tutte le news
CATTOLICA FACTORY NEWS
18 Nov 2016

Un workshow apre lo [spazio bianco] di Progetto di Vita

Per chiudere in bellezza un anno intenso di lavoro e aprire le porte al 2017, Progetto di Vita inaugura sabato 26 novembre il suo nuovo [spazio bianco] all’interno del Cattolica Center (via Germania 33, Verona), che ospiterà in futuro diversi eventi. Uno [spazio bianco] da riempire con idee e creatività, da tagliare e strappare per aprirsi al mondo e realizzare la propria opera d’arte: non a caso il workshow di inaugurazione richiama già nel titolo, “Creativi insieme”, la sua suggestione. Tutta la community (ma anche i giovani curiosi di conoscere questa realtà) è invitata a partecipare – dalle ore 12 – a un brunch in compagnia dell’Art Director e dello Show Designer che hanno realizzato lo spazio; dalle 14 alle 18 seguirà un confronto insieme a professionisti dello show business sul tema “Creatività, disordine, follia… lavorare, progettare e realizzare. Quando e come questi due mondi si incontrano? E cosa accade quando lo fanno?”. Tra gli ospiti ci saranno Sergio Pappalettera, grafico e creativo che da anni cura il visual di vari artisti italiani, Giancarlo Sforza, show designer, responsabile per la creazione delle strutture scenografiche di spettacoli e concerti, e Wad (Michele Caporosso), blogger, autore tv e radio, Carlo Zoratti, regista e Saturnino, il famoso bassista che accompagnerà la giornata con una performance musicale. Per partecipare è necessario registrarsi su eventbrite oppure inviare una e-mail con nome e recapito a progettodivita@cattolicaassicurazioni.it o chiamare al numero 045 594794. Un evento che è inserito all’interno della sesta edizione del Festival della Dottrina Sociale, che si terrà a Verona dal 24 al 27 novembre, e ha per tema – quest’anno – «In mezzo alla gente».

 

Fiorentini + Baker 10th Anniversary PartyVediamo nel dettaglio chi sono gli ospiti del 26 novembre. Sergio Pappalettera (Milano, 1961) negli anni Ottanta ha cominciato a lavorare nel mondo della musica, realizzando le cover per le produzioni discografiche di importanti artisti italiani. Allo stesso tempo si è dedicato all’arte esponendo in diverse mostre. Nel 1985 ha fondato a Milano insieme a Patrizia Ferrante Prodesign, uno studio di progettazione grafica e art direction che ricerca e sperimenta soluzioni visuali innovative in diversi ambiti della comunicazione, fra cui grafica, editoria, discografia, video, realizzazione eventi. A partire dal 2000 Pappalettera ha realizzato un cortometraggio intitolato “Venceremos”, un documentario, un mediometraggio dal titolo “Mario il Cavallo”, cover e video di artisti, ricevendo diversi premi. Nel 2003 è cominciata la sua attività di docente nei corsi di comunicazione visiva e design grafico in varie università italiane. Le sua attività espositiva si è susseguita negli anni in diverse mostre. In tempi recenti ha ottenuto la direzione artistica dell’evento Microsoft “Achieve more” durante il Fuorisalone 2015 a Milano e, per Expo 2015, ha curato lo sponsor show Albero della Vita e l’area S.Pellegrino “The Unique Journey of Natural Mineral Water”. È stato Art director visual dei concerti Jovanotti, Pino Daniele, Eros Ramazzotti.

 

sforzaGiancarlo Sforza (Bracciano, Roma, 1957) ha esordito nel mondo musicale nel 1975 all’interno del tour di Riccardo Cocciante e di altri artisti. A partire dal 1983 ha lavorato a Bologna curando la messa in scena e l’organizzazione dei tour di Lucio Dalla, Stadio, Ron e Luca Carboni, portando per la prima volta in Italia il ruolo di Show Designer. Nel 1990 ha fondato e diretto tre diverse società attive nel campo del booking artistico, della produzione (sistematizzando per la prima volta le attività legate alla produzione di eventi musicali), delle edizioni musicali. Nel 2000 ha aperto l’agenzia Utopia Srl, con l’obiettivo di mettere la propria esperienza nella produzione di spettacoli a servizio delle aziende. Utopia ha organizzato, fra gli altri eventi, nove edizioni del Trofeo Birra Moretti. Sforza ha lavorato per prestigiosi clienti fra cui Heineken Italia, Nokia, Microsoft, Mercedes Benz Italia, As Roma, Ferrari. Dal 1992 cura l’ideazione e la messa in scena di tutti gli spettacoli di Jovanotti. In occasione di Expo 2015 ha disegnato e realizzato il padiglione Birra Moretti.

 

wad-1Michele Wad Caporosso è una delle figure più influenti nel settore “urban” italiano. Conduce la trasmissione Made In Italy per Hip Hop Tv su Sky, uno spazio dedicato ai video hip hop italiani presentato direttamente dalle band e dagli artisti protagonisti. Membro del team di Albertino Everyday, programma musicale di Radio Deejay, conduce anche One Two One Two, trasmissione dedicata al rap e all’hip hop che ha accompagnato la sua adolescenza. Wad è esperto di strategie digital per i media e per i brand, ma si appassiona anche di scrittura. Ha pubblicato pezzi per Rolling Stone, GQ, Vogue, Wired. Nel 2011 ha visto la luce il suo instant-book “Italia Suxxx”, che racconta la storia di quattro ragazzi che ai microfoni radiofonici danno voce alla propria delusione esistenziale con risultati inattesi. Nel 2013 Wad per Arcana ha pubblicato “Mai Dentro Mai Fuori”, bio-fantasy di Jovanotti.

 

carlo-zoratti-1Carlo Zoratti (Udine, 1982) si è laureato al Multidams di Torino in Interaction Design. In seguito ha lavorato prima allo Studio Azzurro di Milano, poi come ricercatore nel dipartimento Interactive di Fabrica, centro di comunicazione di Benetton. In seguito, all’interno dello studio olandese SmadsTeck, è diventato assistente di Eboman, un importante artista del settore audiovisivo. Successivamente ha lavorato come freelance in Olanda, Italia e Germania, girando e dirigendo diversi videoclip. La sua carriera lo ha visto anche partecipare alla fondazione della webtv Pronti Al Peggio e curare la direzione artistica del tour 2013 di Jovanotti. Fra le sue produzioni si ricordano The Special Need (2013, il suo primo lungometraggio), Delay (2014, di cui ha scritto la sceneggiatura) e La Vita nuova.

 

saturninoSaturnino (Ascoli Piceno, 1969) esordisce come solista nel 1995 con Testa di basso, album in cui si alterna alla batteria, alla chitarra e soprattutto al basso – cavallo di battaglia – riscuotendo grande successo presso la famosa etichetta americana Verve. Il suo stile si distingue per la padronanza tecnica e l’influenza classica a cui si mescolano note di rock, jazz, hip hop e funk. Altri suoi album di successo sono Zelig (1996), il live SaTOURnino (1997), Clima (2000). Saturnino collabora come bassista e coautore con Lorenzo Jonavotti dal 1991, incidendo insieme a lui ben otto album. Il suo basso è inoltre legato alla base ritmica di Il mio nome è mai più, brano inciso da Pierò Pelù, Jovanotti e Ligabue nel 1999 a sostegno di Emergency, dal grandissimo successo.