tutte le news
CATTOLICA FACTORY NEWS
21 Lug 2016

Sette consigli e sei libri da leggere per costruire il futuro anche in vacanza

La parola d’ordine è: riposarsi. Staccare la mente e ricaricare le pile in vista della ripresa della stagione. Ma anche in vacanza con dei piccoli accorgimenti e dei buoni consigli per le letture si può fare in modo che il proprio tempo – sotto l’ombrellone, fra i monti, dovunque – diventi costruttivo, e senza fare fatica.

 

Suggerimenti per tenere attiva la mente (e vendere al meglio se stessi)

Alcuni consigli li abbiamo riassunti in un’infografica. A cominciare dal pensare e scrivere il proprio slogan. Una sorta di spot pubblicitario personale, una descrizione in cui ogni parola dia valore, da aggiornare nel tempo. E nei ritagli di tempo si può anche aggiornare il curriculum vitae. Un qualcosa che troppo spesso si dimentica, mentre esperienze e conoscenze in fondo crescono sempre. Consigliabile anche fare un po’ di brainstorming: appuntandosi tutte le idee che vengono. Ci sarà tempo poi per valutarle e scegliere le migliori. Ogni occasione è poi buona per allargare la propria rete: un incontro può diventare un contatto in più su LinkedIn, una lettura interessante può portare all’iscrizione ad una newsletter. Tutte attività che richiedono poco sforzo ma che possono portare a grandi risultati perché permettono di riflettere sul proprio profilo e di vederlo come un brand da promuovere al meglio.

summerOK (1)

Sei libri da leggere secondo Bill Gates

Ci sono poi i consigli per le letture. Magari da alternare con qualche bel romanzo: a suggerirci i titoli, infatti, è Bill Gates, attraverso il suo blog. Sono letture che puntano ad aumentare la propria capacità imprenditoriale: conoscenze che potrebbero sempre servire.

  1. Cambiare forma mentis per raggiungere il successo di Carol Dweck. Esempi ed esercizi da fare, anche in vacanza, per allenarsi a cambiare abitudini e punti di vista.
  2. Dove nascono le grandi idee, storia naturale dell’innovazione di Steven Johnson. Un libro che parte da un falso mito: che per innovare ci voglia un colpo di genio. Meglio un ambiente creativo e la condivisione di idee.
  3. Business Adventure di John Brooks. Un classico che, attraverso alcuni casi, segnala l’importanza del capitale umano per il successo di un’azienda.
  4. Steve Jobs di Walter Isaacson. Quaranta colloqui con il fondatore di Apple, cento interviste a familiari, amici e colleghi per tracciare il ritratto del grande genio.
  5. Il cigno nero: come l’improbabile governa la nostra vita di Nassim Taleb. Evitare convinzioni radicate, studiare il passato ma stando ben attenti a non far sì che influenzi il futuro. Un inno allo sviluppo della creatività.
  6. Storia naturale del successo di Malcom Gladwell. Analisi di alcune persone di successo, delle loro idee e del contesto dove sono cresciuti, per cercare di capire come cresce un fuoriclasse.